Cose da fare

Sentiero Tiziana Weiss (o sentiero della salvia)

 Percorrere il sentiero che va da Santa Croce ad Aurisina protetti dalla bora è un'esperienza totale.
sentiero_salvia
Tutti i vostri sensi saranno coinvolti. Davanti a voi si spalanca il mare e la vostra vista abbraccerà tutto il Golfo da punta Salvore e Grado:  nelle belle giornate, quando la bora ha reso trasparente l'atmosfera, si intravede anche oltre! Tutt'intorno a voi vi circonderanno le incredibili e infinite sfumature del rosso del sommacco, il bianco luccicante della pietra carsica e il verde scuro dei cespugli di ginepro, mentre il profumo di salvia vi accompagnerà lungo tutto il percorso.

Lungo il sentiero Tiziana Weiss ad un certo punto incontrerete un bivio che riporta l'indicazione Sentiero dei pescatori: se lo imboccherete percorrerete uno dei più antichi sentieri del Carso. Questa via che porta fino al mare era usata già in epoca romana per trasportare la pietra bianca di Aurisina sulle navi e da qui portata ad abbellire templi e nobili dimore in tutto il Mediterraneo, fu poi usata anche dai pescatori che la usavano per scendere al mare (Canovella degli Zoppoli) a pescare con le loro "zoppole" o "čupa", imbarcazioni ricavate da un solo tronco d'albero; una di queste antichissime imbarcazioni è visibile al Museo del Mare di Trieste.
Sentiero Tiziana Weiss

località Santa Croce, 222-232